Translate / Select Language

giovedì 2 febbraio 2017

"Incursione" a Florence International Radio

Lo scorso sabato (28 gennaio) ho avuto il grande piacere di essere ospitato da "Florence International Radio" nel programma "Le incursioni barbariche" del quartetto Alex, Pierpaolo, Riccardo e Daniele
Da tanto tempo non provavo questo tipo di piacere... ma veramente! E nonostante l'imprecisato numero di sigarette che un paio di elementi del quartetto si sono fumati facendole sorbire anche ai "passivi"! 

La sensazione è stata proprio quella di trovarsi in uno spazio "libero"


Libero di parlare di tutto, libero da pubblicità e tempi, libero di parlare, ascoltare, intervenire, ridere e divagare in un caos assai più ordinato di tante (troppe)  trasmissioni radio e televisive (!) che la fanno sempre più da padrone anche su emittenti di livello nazionale.

E poi la straordinaria altra "incursione" di Stefano Vighi ed il suo oroscopo! Un'altra sorpresa che saresti stato a gustarti per la settimana, il mese e tutti gli anni a venire... Oltre ad essere fatto in maniera completa ed assai ben fatta, l'oroscopo è qualcosa che mi invita a riflettere su qualcosa che pare stia scomparendo e che, come tante altre, non ha assolutamente equivalenti argomenti che ne prendano il posto. Prima con l'oroscopo, i segni zodiacali e gli ascendenti vari c'era motivo di parlare del più e del meno con un senso e con una poesia particolarissima che accompagnava giornate, incontri, amori. Adesso su radio e TV lo spazio "oroscopo" ha lasciato il posto alle assai più inutili (per la massa di noi!) previsioni del tempo... E la cosa mi sembra ben più triste e vana!
Anche perché il tempo e la natura (e per fortuna!) la fanno e la faranno sempre da Padroni. Loro sì! Ma volete mettere un "prima" caratterizzato dalla domanda "ma tu, di che segno sei?" (e tutto quello a cui potevano portare gli sviluppi!), con l'adesso, dove la gente si chiede "visto che tempo?" oppure "che caldo", "che pioggia" e tutto il resto, e magari salutarsi affermando che "non ci sono più stagioni"...!!! Che tristezza...
Meglio, molto meglio ascoltare voci come quelle di Florence International Radio, senza dubbio! Sempre più rare e temo, pur sperando e vivendo per il contrario, siano anche in estinzione...
Grazie, caro Riccardo! Per l'invito e per i motivi che ci hanno portato ad incontrarci di nuovo, dopo Ciclisti per Caso e Alessandra Maggio, i' Susini e la sua Tuttoradio, il caro Vince dall'Australia... E ciao alla prossima!




1 commento:

  1. Bellissimo articolo. E si in effetti la nostra e' veramente una radio libera. Come in effetti deve essere il libero pensiero. PS. Scusa per le sigarette.......ma la colpa e' della mi ex. A presto .

    RispondiElimina